Nuova avventura

Calcio a5, presentata ufficialmente la Polisportiva Five Bitonto

La presentazione è avvenuta martedì 31 luglio nella Sala degli specchi

Calcio
Bitonto giovedì 02 agosto 2018
di Tommaso Cataldi
Polisportiva Five Bitonto
Polisportiva Five Bitonto © n.c.

È stata presentata ufficialmente alla città la nuova realtà del futsal bitontino: la Polisportiva Five Bitonto. Nata dalla fusione tra Atletico Bitonto e Usd Città di Bitonto, la neonata società neroverde di calcio a5 disputerà per la prima volta il campionato di Serie C1.

Nicola Garofalo e Alessio Gaudimundo, i presidenti delle due compagini che hanno deciso di «stringersi la mano, abbracciarsi» – così ha definito la fusione il giornalista Mario Sicolo, da sempre tifoso delle squadre neroverdi della città – hanno scelto come logo i simboli più rinomati della bitontinità: l’ulivo e il leone che sovrastano uno sfondo completamente neroverde.

Erano presenti nella sala degli specchi anche il sindaco Michele Abbaticchio e l’assessore Domenico Nacci, i quali hanno auspicato la piena fruizione del centro polifunzionale “Paolo Borsellino” e annunciato la riqualificazione del cosiddetto “campo 500” che a breve sarà in erba sintetica. La prossima situazione da affrontare, ha affermato l’assessore al bilancio e al patrimonio, dovrà essere la risoluzione della questione del palazzetto dello sport.

La nuova società di calcio a5, oltre alla squadra senior, si avvarrà anche di altre due formazioni: la juniores e la squadra femminile, guidata da Roberta Varano.

«É un impegno – ha raccontato Varano – che va avanti da cinque anni, da quando cioè ho deciso di portare il calcio femminile anche a Bitonto, dove purtroppo era assente. Ogni volta, quando si riparte, c'è sempre entusiasmo e tanta voglia di far bene».

La Juniores invece riparte dal direttore sportivo Francesco Marrone: «Vogliamo essere la fucina e la rampa di lancio per tanti ragazzi – le parole di Marrone – e un serbatoio per la prima squadra. Siamo molto carichi e vogliosi di far bene, nonostante le difficoltà».

Lascia il tuo commento
commenti