La gara è valevole per l’ammissione in serie D

Omnia Bitonto, sconfitta ad Afragola per 2 a 0 nell’andata della finale playoff nazionale

Reti di Manzo e Del Sorbo della Vis Afragolese

Calcio
Bitonto lunedì 04 giugno 2018
di Mario Romano
Omnia Bitonto ad Afragola
Omnia Bitonto ad Afragola © Omnia Bitonto

Un’Omnia Bitonto sciupona in quel di Afragola non riesce a capitalizzare le numerose azioni da rete avute durante tutto l’arco della gara,vuoi per l’imprecisione dei bitontini,vuoi per l’ottima prova del portiere campano Scarano, autore di almeno di tre parate importanti.

Mister De Candia ha dovuto rinunciare a Dellino, pedina che sarebbe stata fondamentale per arginare le giocate del miglior giocatore campano Manzo, alterando così gli equilibri della squadra. Omnia che nella prima parte della gara “è riuscita” a mettere in condizione la squadra campana di fare al meglio il suo “must”, ovvero le pericolose ripartenze, e infatti da una di queste è nato il vantaggio della Vis Afragolese con il fantasista campano bravo a procurarsi una punizione, e battere Vitucci con una micidiale parabola da posizione angolata.

Bisogna anche dire che i bitontini erano andati vicino al vantaggio con Cardinale che, ben servito da Patierno, solo davanti a Scarano, si è fatto ribattere la debole e centrale conclusione. Poi è sempre l’estremo difensore campano a dire no prima a Zotti, poi a una conclusione senza velleità di Lavopa.

Nella ripresa, da un’altra ripartenza della Vis Afragolese, nasce il calcio di rigore per un fallo di Barone su Pesce che Del Sorbo ha trasformato, con freddezza, spiazzando Vitucci. Nella stessa azione ha avuto la peggio il difensore bitontino, espulso prima come ultimo uomo e uscendo subito dopo per infortunio.

I cambi effettuati da mister De Candia, Montanaro per Cardinale e Ladogana per Zotti, hanno dato nuova linfa ai bitontini che, con un uomo in meno, facendo valere la loro miglior freschezza atletica, hanno messo alle corde i campani, anche loro rimasti poi in dieci per il rosso diretto a Vitiello per fallo su Patierno. Ma non sono riusciti ad accorciare le distanze per le prodezze di Scarano, prima su un tiro a botta sicuradalla distanza di Fiorentino, poi su un colpo di testa ravvicinato di Loseto, dove l’estremo difensore campano, anche con un po’ di fortuna, è riuscito a mantenere inviolata la sua porta.

Omnia esce a testa alta dal “Luigi Moccia” di Afragola tra gli applausi della sua gente, giunta anche in terra campana in buon numero, ma per la “remuntada” domenica prossima al “Città degli Ulivi” ci vorrà l’apporto di tutti gli sportivi bitontini per gremire gli spalti dell’impianto di Via Megra e spingere i ragazzi di mister De Candia verso il “sogno” chiamato serie D.


VIS AFRAGOLESE – OMNIA BITONTO: 2 – 0

Reti: 17’ Manzo, 54’ Del Sorbo (rig)

VIS AFRAGOLESE: Scarano 8, Ciano 6,5, Buono 6,5 (43’ st Noviello sv), Vitiello 5, Barbato 6, Fiorillo 6, Carfora 6,5, Pesce 6,5 (26’ st Fammiano sv), Del Sorbo 6, Manzo 7 (35’ pt Ruscio 6), Cardore 6.

A disp. Mola, Varriale, Caiazza, Maiello. All. Coppola 6,5

OMNIA BITONTO: Vitucci 5,5, Barone 5, Anaclerio 5,5, Cardinale 5,5(13’ st Montanaro 6,5), Montrone (c) 6, Lavopa 6, Loseto 5,5, Fiorentino 6, Patierno 6 (38’ st Picci sv), Zotti 5,5 (16’ st Ladogana 6,5), Turitto 5,5.

A disp. Lizzano, De Santis, Rubini, Dellino. All. de Candia 5,5

Arbitro: Delnotaro (Verbano-Cusio-Ossola) 6,5

Ammoniti: Del Sorbo (VA), Anaclerio, Loseto, Fiorentino (OB)

Espulsi: Vitiello (VS) per gioco pericoloso e Barone (OB) per fallo da ultimo uomo

Angoli: 9 a 0 per L’Omnia Bitonto

Recupero:1+5


Pagelle Omnia Bitonto

Vitucci 5,5 - Non proprio esemplare sulla parabola di Manzo da posizione angolata, non può nulla sul rigore di Del Sorbo, sempre attento sulle palle alte. Giornata sfortunata.

Barone 5 - Fuori posizione sull’azione da cui scaturisce il vantaggio campano, ingenuo sull’azione del calcio di rigore dove viene espulso per fallo da ultimo uomo. Esce per infortunio.

Anaclerio 5,5 - Quest’oggi al di sotto del suo standard. Soffre nella prima parte della gara dove spesso si trova dalla sua parte in inferiorità 2 contro 1.

Cardinale 5,5 - Forse l’errore sotto porta condiziona la sua prestazione. Quasi sempre in affanno viene sostituito da Montanaro.

Montanaro 6,5 - Il suo vigore da nuova linfa alla sua squadra. Avrebbe meritato di giocare dall’inizio.

Montrone 6 - Controlla senza problemi Del Sorbo.

Lavopa 6 - Si da un gran da fare ma non riesce ad incidere sulla gara come in altre occasioni. Meglio nel secondo tempo dove ha più campo.

Loseto 5,5 - Inserito a sorpresa nell’undici iniziale, entra in quasi tutte le azioni importanti dell’ Omnia ma tra imprecisione e bravura del portiere ospite non riesce a segnare la rete che sarebbe stata importantissima per la gara di ritorno.

Fiorentino 6 - Prende il “giallo” in occasione della punizione da cui scaturisce il vantaggio campano per chiudere su Manzo, più veloce di lui nell’uno contro uno. Anche lui meglio nel secondo tempo, dove solo un ottimo Scarano gli nega la gioia del gol.

Patierno 6 - Offre l’assist a Cardinale per il possibile vantaggio, fa espellere il suo marcatore, forse soffre un po’ la mancanza a suo fianco di Ladogana. Non riesce quasi mai a liberarsi al tiro per la stretta marcatura a cui viene sottoposto.

Picci sv - Forse troppo tardivo il suo ingresso in campo.

Zotti 5,5 - La “gabbia” difensiva predisposta da mister Coppola riduce il suo campo d’azione. Sfortunato in un paio di circostanze, non incide come dovrebbe.

Ladogana 6,5- Il suo ingresso tardivo “apre” voragini nella difesa campana. Ottimo senso tattico e di posizione.

Turitto 5,5 - Lontano parente del calciatore visto in altre circostanze. Non riesce a saltare l’uomo, anche lui in affanno, non entra mai nelle azioni pericolose.

All. De Candia 5,5 - L’infortunio di Dellino gli crea non pochiproblemi di “equilibrio” a livello tattico, forse una marcatura a uomo sull’uomo più pericoloso dell’Afragolese Manzo avrebbe limitato le ripartenze della squadra campana nella prima parte della gara. Nella ripresa gli inserimenti di Montanaro e Ladogana non bastano a raddrizzare la gara, anche perché la “dea Bendata” non accompagna i suoi ragazzi.

Lascia il tuo commento
commenti