Dalla Regione

Tratta ferroviaria San Severo-Bari, Damascelli chiede audizione in V Commissione

«In sede di audizione - chiarisce il consigliere regionale di Forza Italia - valuteremo e approfondiremo la possibilità di chiedere l’aumento delle carrozze»

Attualità
Bitonto domenica 08 luglio 2018
di La Redazione
Un convoglio Trenitalia
Un convoglio Trenitalia © n.c.

Ancora disservizi, ritardi e inefficienze nel nostro trasporto pubblico locale su rotaie: stavolta, la pioggia di segnalazioni e legittime lamentele da parte dei cittadini arriva per la tratta di Trenitalia da San Severo a Bari. Per questo ho richiesto l’audizione in V Commissione consiliare dell’assessore regionale ai Trasporti, del direttore regionale di Trenitalia, del capo dipartimento regionale ai Trasporti e di un portavoce dei pendolari che quotidianamente usufruiscono del servizio”. Lo rende noto il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli.

Le condizioni di viaggio - aggiunge - sono notevolmente peggiorate negli ultimi due anni, a seguito del sequestro e della chiusura della linea Bari-Nord fra Corato e Barletta, indirizzando i pendolari della provincia di Barletta Andria Trani ad utilizzare i mezzi di Trenitalia, con un considerevole sovraffollamento. Così, il numero delle carrozze è divenuto insufficiente ad accogliere in maniera dignitosa un’utenza sempre più ampia. Ad ogni fermata si assiste ad una sorta di assalto, con i viaggiatori che salgono a fatica sui treni, ammassandosi gli uni agli altri per consentire la chiusura e l’apertura delle porte, e ostruendo le necessarie vie di fuga. Le maggiori criticità si registrano alla fermata di Molfetta nelle ore di punta, ed in particolare al mattino nella fascia oraria fra le 7 e le 8 e fra le 12.30 e le 14, a causa dell’inadeguatezza del numero di corse e vagoni rispetto a quello dei viaggiatori, per lo più pendolari".

"In sede di audizione - conclude Damascelli - valuteremo e approfondiremo la possibilità di chiedere l’aumento delle carrozze, affinché si possano assicurare condizioni decorose e più confortevoli di viaggio”.

Lascia il tuo commento
commenti