“NO DROGA, NO MAFIA”, CONFCOMMERCIO BITONTO CON AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI BITONTO

Stefania Lunare LiveYou - Attualità
Bitonto - mercoledì 17 gennaio 2018

Solidarietà,e grande soddisfazione da parte di Confcommercio Bitonto per l’iniziativa “No Droga, no Mafia”, promossa dalla locale Amministrazione Comunale. La rassegna musicale, che prenderà il via le prossime settimane nei locali del Centro Storico di Bitonto, arriva all’indomani degli ennesimi episodi di cronaca, per sensibilizzare tutti e soprattutto i più giovani alla legalità.

Musicisti della città e non, a titolo gratuito, veicoleranno questo messaggio attraverso la loro musica, in incontri capaci di trasformarsi in un utile scenario di argomenti di vivo interesse come la legalità e l’uso delle droghe.

Per Cristina Lovascio, delegata di Confcommercio per la città di Bitonto, quella programmata con l’Amministrazione del Sindaco Abbaticchio è una iniziativa di grande utilità sociale, per riappropriarsi di spazi e situazioni della città: «Comprare stupefacenti alimenta il mercato della criminalità organizzata, da anni ormai anche divisa tra clan in lotta fra loro per la conquista del nostro territorio. Ed è proprio di conquista del nostro territorio che io parlerei, anzi di riconquista. Bitonto può contare su una stimabile e variegata quantità di competenze e attrattori culturali per riappropriarsene. Appena ieri, eravamo sui giornali per essere tra le dieci finaliste candidate a diventare la città capitale della cultura italiana 2020. È proprio grazie a queste che potrà, come peraltro sta dimostrando soprattutto negli ultimi anni, rialzarsi e reagire alle brutture degli ultimi episodi di cronaca”.

E riconferma all’Amministrazione Comunale ed a tutta la Comunità Bitontina la ferma disponibilità di Confcommercio Bitonto ad iniziative di questo tipo: «Stiamo, con la collaborazione dei nostri associati, delle altre associazioni presenti sul territorio e di chiunque abbia voglia di partecipare e condividere la propria dedizione alla nostra città, approntando un progetto e una serie di iniziative che non coinvolgano solo il centro storico, ma l’intera comunità. L’invito, allora, è quello di contattarci presso la sede che stiamo approntando in via Garibaldi, 22 o sui nostri social, per essere anche fisicamente più presenti sul territorio. Parole d'ordine: legalità, sinergia, sviluppo».

Altri articoli
Gli articoli più commentati
Gli articoli più letti